Unioni Civili, aborto, rifugiati: parte l’organizzazione per Diritti al Cuore 2016

Giovedì 25 Febbraio, ore 19:30, al CCS Borderline, in via Rockfeller 16/c, assemblea aperta a tutte le organizzazioni, associazioni, partiti, sindacati e, soprattutto, tutte le cittadine e cittadini che vogliono partecipare all’organizzazione di Diritti al Cuore 2016. 

logo Diritti al cuore 2015Nel pieno dell’infuocata campagna per le Unioni Civili, che ha subito in questi giorni una battuta d’arresto e volge verso derive conservatrici; a due giorni dalla campagna #obiettiamolasanzione contro le salatissime multe per l’interruzione di gravidanza clandestina, spesso scelta obbligata a causa dell’enorme presenza di medici obiettori, circa il 70% del totale, e nel continuo flusso di profughi con le tragedie in mare, le speculazioni dei centri di accoglienza e la negazione dei visti delle commissioni, riparte l’organizzazione dell’annuale appuntamento cittadino per la piena cittadinanza di tutti e tutte. 

Diritti al Cuore 2016, manifestazione contro l’omofobia, il razzismo ed il sessimo, è ormai un appuntamento annuale della società civile per rivendicare le libertà e i diritti di tutte e tutti. Attraverso una serie di iniziative nei mesi di Marzo, Aprile e Maggio, in cui approfondire i vari temi legati ai diversi fenomeni di discriminazione e razzismo, della differenza di genere, dei diritti di gay, lesbiche e transgender, si arriva alla grande manifestazione unitaria di Giugno che attraversa la città in una grande festa collettiva.

L’appuntamento di Giovedì servirà a buttare le basi dell’organizzazione dell’edizione del 2016, con l’individuazione dei temi da trattare quest’anno, delle parole d’ordine e delle immagine, così come del calendario delle iniziative, compresa la data della manifestazione.

Rispondi